Beirut, Libano – Il governo di nuova costituzione del Libano, che conferisce al movimento islamista i ministeri chiave di Hezbollah, ha sollevato preoccupazioni sul fatto che il paese potrebbe incorrere in sanzioni contro gli Stati Uniti che proibiscono il sostegno materiale al gruppo sostenuto, Venerdi, gli Stati Uniti hanno avvertito Hezbollah di non appoggiare la sua agenda con la sua nuova posizione, che include posti chiave nel governo del Libano, incluso il Ministero della Salute.

Gli ufficiali americani sono preoccupati che Hezbollah userà il ministero per fornire assistenza sanitaria e patrocinio sovvenzionato dallo stato ai suoi sostenitori e forse anche ai suoi combattenti, aiutandolo a sopportare la punizione delle sanzioni americane che hanno reso difficile per il gruppo offrire i suoi soliti servizi sociali ai suoi Base musulmana sciita.

“Chiediamo al nuovo governo di garantire che le risorse e i servizi di questi ministeri non forniscano sostegno a Hezbollah”, ha detto un portavoce del Dipartimento di Stato, Robert Palladino

Mentre il nuovo governo si coalizzava giovedì dopo quasi nove mesi di stallo politico, l’assistente segretario del Tesoro degli Stati Uniti per il finanziamento del terrorismo, Marshall Billingslea, avvertì Hezbollah che se avesse tentato di “sfruttare questi ministeri per incanalare denaro o intraprendere altre attività a sostegno dei loro agenda terroristica, allora avremo preoccupazioni significative “.

Ci si aspettava che Hezbollah guadagnasse forza nel governo dopo che il gruppo e i suoi alleati hanno esteso la loro quota di seggi nelle elezioni parlamentari libanesi lo scorso maggio, indebolendo in modo significativo il primo ministro appoggiato dall’Occidente, Saad Hariri, e il suo blocco. Ora che ha conquistato il controllo del Ministero della Salute, che ha il quarto più grande budget del governo, la sua capacità di incorporarsi nelle istituzioni statali libanesi ha reso sia un obiettivo più ampio che una preda più elusiva per gli Stati Uniti, che ha designato come un gruppo terroristico.

Il sistema politico libanese conferisce incarichi e patrocinio ai politici di diverse affiliazioni religiose al fine di mantenere un equilibrio tra le 18 sette religiose ufficialmente riconosciute. C’è una lunga storia di ministri di ogni tipo che usano il ministero della salute per fornire assistenza sanitaria gratuita o sovvenzionata ai sostenitori. Gli analisti credono che Hezbollah possa tentare di fare lo stesso, sia per la sua base sciita o, più preoccupante per gli Stati Uniti, per i combattenti di Hezbollah feriti nella guerra civile siriana della porta accanto.

 

“Questo è un altro esempio di Hezbollah che tiene apertamente in ostaggio la sicurezza e la prosperità del Libano”, ha detto Rachel Mikeska, portavoce dell’Ambasciata americana in Libano. Ha aggiunto che gli Stati Uniti erano “pronti a prendere tutte le azioni necessarie per proteggere gli interessi del popolo libanese”.

Ha rifiutato di dire quali potrebbero essere queste azioni. Ma gli analisti hanno detto che le possibilità andavano dal relativamente moderato – come ridurre i finanziamenti al Ministero della Salute e spremere gli altri donatori internazionali, come l’Organizzazione Mondiale della Sanità, a fare lo stesso – fino alla morte. Gli Stati Uniti potrebbero teoricamente imporre sanzioni agli ospedali libanesi, impedire l’esportazione di farmaci americani in Libano o tagliare gli aiuti militari americani all’esercito libanese.

Non è chiaro cosa Hezbollah potrebbe fare al ministero della salute che l’amministrazione Trump considererebbe una violazione della legge sulle sanzioni firmata dal presidente Trump in ottobre. Gli analisti hanno detto che Hezbollah potrebbe aver scelto il dott. Jamil Jabak, un internista di 63 anni con stretti legami con Hezbollah, come ministro della salute per cercare di evitare sanzioni dirette sul ministero. Il Dr. Jabak non è un membro di Hezbollah, ma si dice che abbia servito un tempo come medico personale per il leader del gruppo.

“Washington considererebbe l’assistenza sanitaria gratuita ai membri di Hezbollah forniti dal Ministero della Salute come esempio di” significativo sostegno finanziario? “Ha scritto Michael Young, osservatore politico e giornalista presso il Carnegie Middle East Centre di Beirut, in una colonna di opinione l’anno scorso . “È difficile dire che non lo farebbe mai.”

I vari interessi degli Stati Uniti in Libano finiscono spesso in conflitto, anche quando si tratta di Hezbollah: vuole contrastare l’Iran ei suoi delegati, ma anche mantenere la stabilità del Libano man mano che la guerra in Siria continua a bruciare; vuole anche combattere il terrorismo e respingere l’influenza russa in Medio Oriente.

Sebbene Washington abbia designato Hezbollah come un’organizzazione terroristica per le sue azioni in tutto il mondo e le sue strette relazioni con l’Iran, il gruppo si è anche cimentato in parti legittime dello stato libanese, rendendo difficile per gli Stati Uniti prenderlo di mira senza influenzare anche il resto del paese.

“Il dibattito negli Stati Uniti sul Libano è sempre su quale priorità e su come bilanciare queste priorità in competizione”, ha detto Firas Maksad, direttore della Arabia Foundation, un think tank con base a Washington che si spinge verso l’Arabia saudita e l’anti- Politiche Iran.

Ma Kassem Qassir, un analista politico libanese vicino a Hezbollah, ha detto che le preoccupazioni sul predominio di Hezbollah sono state esagerate.

 

“Nessuno può avere il controllo esclusivo sul Libano, né su Hezbollah né su nessun altro”, ha affermato. “Il Libano è un paese diverso”.

In un’intervista televisiva di sabato, Hassan Nasrallah, segretario generale dell’organizzazione, ha affermato che il gruppo non intende interferire con gli equilibri di potere del Libano.

Ma il signor Maksad ha notato che Hezbollah è riuscito a stringere patti con politici cristiani e sunniti e sciiti, poi ha tenuto sotto controllo la formazione del nuovo governo fino a quando il primo ministro, un sunnita, ha accettato di consentire l’ingresso degli eletti sunniti di Hezbollah nel governo – un segno inconfondibile della sua forza.

Dei nuovi volti nell’armadietto da 30 posti, fu il dottor Jabak, il medico che guidava un ministero strettamente sorvegliato dall’Occidente, che attirò l’attenzione più immediata.

 

 

 

 

 

 

 

 

www.nytimes.com/2019/02/01/world/middleeast

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.