Il 2 e 3 marzo scorsi, l’Ambasciata d’Italia a Teheran ha coordinato il programma di iniziative per la terza giornata del design italiano (Italian Design Day – IDD). Vi ha partecipato l’“Ambasciatore” del design italiano Giovanni Ottonello, Art Director dell’Istituto Europeo di Design, per il secondo anno consecutivo in Iran. Tutte le iniziative hanno avuto come filo conduttore il tema dell’IDD di quest’anno: “il Design e la Città del Futuro”.
Il 2 marzo si è svolto un workshop intitolato “The Sprout Workshop”, rivolto a studenti, giovani imprenditori e professionisti del settore e organizzato in collaborazione con il gruppo iraniano “Ravagh”, che importa e distribuisce in Iran alcuni tra i più noti marchi italiani dell’arredamento. Lo hanno animato gli architetti italiani Maurizio Serena e Laureano Mon, titolari della società “The Sprout Studio”, che hanno proposto ai partecipanti lo studio di un metodo innovativo basato sull’analisi investigativa dell’evoluzione sociale, economica e tecnologica nell’elaborazione di strategie di penetrazione del mercato in vari ambiti. Si sono svolte due sessioni di lavoro nell’arco della stessa giornata.
La mattina del 3 marzo l’Ambasciatore Mauro Conciatori ha aperto una tavola rotonda interamente dedicata a “il Design e la Città del Futuro”, organizzata in collaborazione con lo studio iraniano di consulenza e di architettura Dyban International. Oltre ad Ottonello, i relatori italiani sono stati Walter Mariotti, Direttore Editoriale della Rivista Domus, e Francesco Fresa, architetto e co-fondatore dello studio di architettura Piuarch di Milano. Hanno partecipato alcuni tra gli studi più conosciuti della città oltre a rappresentanti istituzionali del Ministero dei Trasporti e Pianificazione urbana, e del Comune di Teheran.
Le presentazioni e il successivo dibattito hanno offerto un’occasione di confronto su temi e problematiche comuni e hanno dato l’opportunità ai partecipanti di condividere esperienze e prospettare sinergie su argomenti di attualità (sostenibilità ambientale, dimensione umana, ruolo delle giovani generazioni) oltre a favorire un momento di networking in vista di futuri progetti comuni.
Nel pomeriggio del 3 marzo, Ottonello ha tenuto presso la facoltà di Architettura dell’Università di Teheran una conferenza sempre incentrata sul tema “il Design e la Città del Futuro”, seguita da una presentazione della rivista Domus da parte di Mariotti. Oltre 400 studenti sono intervenuti all’evento che ha registrato, come le altre iniziative, diffuso interesse sui social media. Il Programma dell’Italian Design Day 2019 è stato realizzato in coordinamento con ICE-Teheran e con la sponsorizzazione di Turkish Airlines e dell’Espinas Palace.

aise

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.